Smaltimento amianto: tutto quello che devi sapere

0
39

amiantoL'amianto (o asbesto) è un insieme di sei minerali silicatici naturali, che hanno tutti in comune il loro aspetto: cristalli fibrosi lunghi (rapporto di aspetto 1:20 circa), sottili, con ogni fibra visibile composta da milioni di "fibrille" microscopiche che possono essere rilasciate per abrasione e altri processi e sono comunemente noti per i loro colori, come amianto blu, amianto bruno, amianto bianco e amianto verde.

L'amianto è tossico e molto pericoloso per la salute

Gli studi scientifici hanno collegato più di una dozzina di malattie diverse all'esposizione all'amianto.

Molte di queste malattie, come il mesotelioma e il cancro ai polmoni, hanno un rapporto confermato con l'amianto.

Altri, come la BPCO e il cancro ai reni, non sono direttamente causati dall'amianto, ma i ricercatori sospettano che l'esposizione possa aumentare il rischio di una persona per il loro sviluppo.

Le malattie correlate all'amianto si sviluppano tipicamente su un lungo periodo di tempo. I primi sintomi possono non comparire da 10-50 anni. I tassi di mortalità massima sono previsti tra il 2010 e il 2020.

L'elenco delle malattie comprende:

  • Mesotelioma
  • Asbestosi
  • Cancro al polmone
  • Cancro laringeo
  • Cancro ovarico
  • Cancro ai testicoli
  • Placche pleuriche
  • Addensamento pleurico
  • Versamento pleurico

La prima morte documentata correlata all'amianto risale al 1906, ma la prima diagnosi di asbestosi fu fatta nel Regno Unito nel 1924. Nellie Kershaw fu impiegato alla Turner Brothers Asbestos di Manchester, Inghilterra, dal 1917, filando fibre di amianto grezze in filato.

La sua morte nel 1924 portò ad un'indagine formale. Il patologo William Edmund Cooke ha testimoniato che il suo esame dei polmoni ha indicato vecchia cicatrice indicativa di un precedente, guarito, infezione da tubercolosi, e la fibrosi estesa, in cui erano visibili "particelle di materia minerale ... di varie forme, ma la grande maggioranza hanno angoli acuti."

Dopo aver confrontato queste particelle con i campioni di polvere di amianto forniti da S. A. Henry, ispettore medico delle fabbriche di Sua Maestà, Cooke ha concluso che "provenivano dall'amianto e che erano, al di là di ogni ragionevole dubbio, la causa primaria della fibrosi polmonare e quindi della morte".

A seguito di questi pionieristici studi medici, negli decenni successivi diversi paesi cominciarono a bandire l'uso dell'amianto.

Nel 1943 la Germania fu il primo paese a riconoscere il cancro al polmone come conseguenza dell'inalazione di asbesto e a prevedere un risarcimento per i lavoratori colpiti.

Il primo stato a bandire l'amianto fu l'Islanda nel 1983, anche se attualmente oltre 50 paesi nel mondo non hanno ancora bandito l'amianto.

In Italia, la produzione, la lavorazione e la vendita dell'amianto sono fuori legge in Italia dal 1992. La legge n. 257 del 1992, oltre a stabilire termini e procedure per la dismissione delle attività inerenti all'estrazione e alla lavorazione dell'asbesto, è stata la prima a occuparsi anche dei lavoratori esposti all'amianto. 

smaltimento amianto

Cosa devo fare se trovo amianto in casa mia?

Se pensate di aver trovato amianto nella vostra casa, non toccatelo! 

L'amianto è un rischio in casa quando viene disturbato in modo da produrre polvere che contiene fibre di amianto.

In molti casi la presenza di materiali contenenti amianto in casa non è motivo di allarme se il materiale non è stato danneggiato.

Se il materiale non è danneggiato e non mostra segni di usura, spesso può essere lasciato sul posto.

Ad esempio, le pareti o i soffitti interni in lastre di cemento-amianto in buone condizioni e rivestiti di vernice non rappresentano un rischio per la salute, mentre non mostrano segni di degrado o danni.

Se i materiali contenenti amianto sono a casa vostra e sono in buone condizioni (cioè non danneggiati, non disturbati), l'opzione più sicura è lasciarli soli.

Ispezionare visivamente i materiali di tanto in tanto per verificare che non siano deteriorati o danneggiati.

Se si pensa di lavorare con o rimuovere un materiale che contiene amianto, si prega di considerare quanto segue:

  • Se è in buone condizioni (ad es. non danneggiato), si può lasciare solo?
  • Conoscete le alternative alla rimozione del materiale contenente amianto (ad esempio pittura o sigillatura, copertura con un prodotto non a base di amianto)?
  • Siete in grado di rispettare le leggi e le procedure di sicurezza per la lavorazione dell'amianto?
  • È necessario utilizzare un tecnico abilitato per la rimozione dell'amianto?

Se dovete maneggiare o lavorare con l'amianto è importante ricordarlo:

  • Non utilizzare utensili elettrici
  • Non utilizzare dischi abrasivi da taglio o levigatura
  • Non utilizzare aria compressa
  • Non utilizzare tubi flessibili ad alta pressione
  • Non camminare su tetti in cemento amianto ondulato, poiché si corre il rischio di cadere attraverso il tetto.
  • Non lasciare i prodotti a base di amianto intorno al giardino dove potrebbero essere rotti o schiacciati.
  • Se non si è sicuri che il materiale contenga amianto, rivolgersi a un laboratorio accreditato per sottoporlo a test.
  • Lavorare sempre con amianto in ambienti ben ventilati
  • Assicurarsi che il materiale sia completamente bagnato durante il lavoro per ridurre al minimo il rilascio di fibre e polvere.
  • Si raccomanda che l'amianto non legato sia rimosso solo da un professionista autorizzato, in quanto i rischi per la salute associati alla manipolazione di questo tipo di materiale sono molto maggiori che per l'amianto legato saldamente.

Un nucleo familiare può legalmente rimuovere l'amianto dai propri beni; tuttavia, poiché l'amianto rappresenta un rischio per la salute durante la rimozione, l'imballaggio, il trasporto e lo smaltimento, è importante che venga maneggiato in modo sicuro durante queste operazioni.

Per ulteriori informazioni sulla manipolazione e la rimozione sicure dell'amianto nelle abitazioni, consultare il sito web OHS Reps.

Il Victorian Trade Hall Council (03 9662 3511) tiene un elenco di rimozionisti e igienisti autorizzati che hanno anche firmato un accordo con il VTHC per operare secondo un codice di condotta. L'elenco viene aggiornato ogni tre mesi e a tutti i traslocatori sono state rilasciate licenze ai sensi dei nuovi regolamenti del 2003.

Posso far testare i materiali per verificare la presenza di amianto?

Sì. I laboratori che analizzano i materiali da costruzione per l'amianto possono essere trovati con facilità. Nell’effettuare la valutazione del rischio amianto occorre distinguere i casi nei quali si applicano i valori limite e le misure di prevenzione previste per la tutela dei lavoratori addetti alla manutenzione o alla bonifica, come prescritto dal titolo IX capo III del D.Lgs 81/2008 , dai casi nei quali il rischio è invece dovuto alla mera presenza della persona nell’ambito dell’edificio contenente amianto per i quali si deve fare riferimento al DM 6.9.1994. 

I laboratori possono anche fornirvi consigli su come prelevare e inviare correttamente un campione. Ci saranno delle tasse.

Potete anche rivolgervi ad un consulente per l'amianto.

Cosa succede se rompo accidentalmente l'amianto?

In caso di rottura accidentale di un materiale contenente amianto, il modo più sicuro per gestire eventuali rischi per la salute è pulire la polvere con un panno umido o un panno di carta, mettere il panno / asciugamano in due sacchetti di plastica, legarli singolarmente e metterli nel cestino della spazzatura.

Non utilizzare un normale aspirapolvere in quanto non è in grado di filtrare tutte le particelle e può rilasciare più fibre di amianto nell'aria. Se il materiale contenente amianto è incrinato, è necessario sigillare la fessura con un prodotto come la colla PVA o vernice. Se si verificano danni più significativi, sostituire l'intero foglio e smaltirlo correttamente.

Posso rimuovere l'amianto da casa mia?

Sebbene le famiglie abbiano il diritto legale di effettuare la rimozione dell'amianto, NON raccomandiamo questa pratica. Secondo le norme per la salute e la sicurezza sul lavoro 2007, una persona non autorizzata può rimuovere materiale amianto non friabile se l'area non supera i 10m2 e il tempo totale per la rimozione non supera un'ora in un periodo di 7 giorni.

Se si decide di rimuovere l'amianto da soli, si consiglia vivamente un'attenta manipolazione e il rispetto delle pratiche di sicurezza. Le fibre di amianto sono pericolose e rappresentano un rischio non solo per se stessi, ma anche per la propria famiglia e per i vicini. Se il prodotto è legato in modo non rigido, si consiglia di contattare un professionista autorizzato.

Se si rimuove l'amianto saldamente legato, si consiglia di indossare dispositivi di protezione individuale (DPI) monouso. Avvolgere il materiale in un doppio involucro forte e spesso (almeno 0,2 mm).

Come smaltire l'amianto

I rifiuti di amianto devono essere smaltiti in un sito che sia stato approvato dal vostro consiglio comunale il prima possibile. Ogni consiglio stabilisce le proprie norme in merito a se e come riceve i rifiuti di amianto.

Contattate il vostro comune per sapere dove potete smaltire i rifiuti di amianto, le eventuali condizioni di smaltimento (ad es. ora del giorno, importo massimo in una sola volta) e quanto costeranno.

È inoltre possibile utilizzare un'azienda autorizzata per la rimozione dei rifiuti per la raccolta e la rimozione dei rifiuti di amianto. Possono fornire diversi contenitori, compresi fusti e cassonetti, per i rifiuti di amianto. I rimuovitori di rifiuti si trovano nelle Pagine Gialle sotto "Amianto" o "Rimozione dei rifiuti" o cercando su Google "rimozione amianto".

Se state trasportando i rifiuti di amianto nel sito approvato dal vostro consiglio, collocateli in un rimorchio o nel retro di un'auto o di un'autocarro. Fissare il carico per assicurarsi che non rimbalzi o non fuoriesca, strappare l'involucro/il sacchetto di plastica o rompere l'amianto. Seguire le indicazioni del consiglio quando si arriva al sito.

Esiste una mappa creata dall'Autorità per la Protezione dell'Ambiente (EPA) delle discariche vittoriane autorizzate a ricevere amianto. Questo vi aiuterà a identificare l'opzione di smaltimento più vicina. Le discariche sono classificate come:

  • Domestico (padrone di casa fai da te)
  • Commerciale e domestico
  • Solo commerciale

Considerate i vostri vicini

Quando decidete come lavorare, rimuovere o smaltire materiali contenenti amianto, non dimenticate i vostri vicini. In base alle disposizioni del Health Act 1958, qualsiasi disturbo che sia, o possa essere, offensivo o pericoloso per la salute può essere indagato da un funzionario di salute ambientale del vostro comune.

Di conseguenza, qualsiasi lavoro sull'amianto eseguito senza le dovute precauzioni può essere oggetto di indagine. Se si teme che un vicino di casa stia rimuovendo l'amianto senza prendere le dovute precauzioni, si prega di contattare il consiglio comunale. La parte può violare la legge sulla salute del 1958 e la legge edilizia del 1993.

Altre cose da considerare

Alcune attività di ristrutturazione o demolizione possono richiedere l'approvazione del piano e/o il rilascio di permessi di costruzione/demolizione. Per ulteriori informazioni, contattare il servizio edilizia e pianificazione del comune di residenza.

Se state assumendo qualcuno per rimuovere i prodotti a base di amianto dalla vostra proprietà, potrebbe essere necessario che tale persona sia un addetto alla rimozione dell'amianto autorizzato.

Le imprese appaltatrici non autorizzate (artigiani o artigiani) non sono autorizzate a rimuovere l'amianto non legato ad alcun materiale e possono farlo solo se la superficie da rimuovere è inferiore a 10 m2 ed effettuano la rimozione dell'amianto per meno di un'ora nell'arco di un periodo di 7 giorni. 

Come gestire un incidente legato all'amianto

La natura e le circostanze di un problema o di un incidente di emergenza relativo all'amianto ne determinano le modalità di gestione e gli organismi coinvolti.

Se vi sentite coinvolti in un incidente legato all'amianto, ci sono diverse agenzie governative statali che possono essere coinvolte per contribuire a risolvere e gestire il problema.

Se l'evento è un problema di salute pubblica allora dovrebbe essere rinviato al responsabile della salute ambientale del vostro consiglio comunale.

Se l'incidente è un problema di salute e sicurezza sul lavoro, rivolgersi a WorkSafe Victoria.

Se l'incidente riguarda il trasporto o lo smaltimento dell'amianto, deve essere deferito all'Autorità per la protezione dell'ambiente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteProgettazione impianti fotovoltaici: le regole da seguire
La nostra redazione è costantemente impegnata nel ricercare fonti attendibili e produrre contenuti informativi, guide e suggerimenti utili gratuiti per i lettori di questo sito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here